“Ul taj giúst”

Nel verd di collinn tra Com e Milan,
sòtta quel ciel inscì bell quand l’è bell,
tant l’è ul coragg e tant l’ingegn uman
nel das de fà, che sfiden anca i stell.

Vardé, per dì, piazza Roma a Marian
oppur a Cantù, dóe gh’è ‘l sò gemell:
negozzi sciccós e fiór de artigian
che metten passión, class, coeur e cervell.

Mì, che de góla son vún de “bón gúst”,
me lassi tentà, ma senza timór,
da quel ben di Dio che troeuvi a “Ul taj giúst”.

Quand me sodisfi d’inscì bón savór,
conclúdi tra mì: “Anca ul past l’è staa giúst!”
e al post de pentimm, ringrazi ul Signór.

Ascolta il Sonetto...

C. M.
4 novembre 2012

 

“Il taglio giusto”

Nel verde delle colline fra Como e Milano,
sotto quel cielo così bello quando è bello,
tanto è il coraggio e tanto l’ingegno umano
nel darsi da fare, che sfidano anche le stelle.

Guardate, per dire, piazza Roma a Mariano
oppure a Cantù, dove c’è il suo gemello:
negozi sciccosi e fior di artigiani
che mettono passione, classe, cuore e cervello.

Io, che di gola sono uno di “buon gusto”,
mi lascio tentare, ma senza timore,
da quel ben di Dio che trovo a “Il taglio giusto”.

Quando mi soddisfo di così buoni sapori,
concludo tra me: “Anche il pasto è stato giusto!”
e invece di pentirmi, ringrazio il Signore.

Un omaggio, da cliente affezionato e buongustaio, al giovane Stefano Pellizzoni e ai suoi collaboratori dei negozi di Mariano Comense e Cantù, da lui aperti con il marchio “Il taglio giusto”, sfidando momenti difficili e confidando nella rinomata tradizione di macelleria e gastronomia della famiglia, di cui è “figlio d’arte”.
La ridente Brianza, con i suoi colori, profumi e sapori, anche di manzoniana memoria, ne è la musa ispiratrice.